Tu sei qui

Palermo: si parte con adeguamento impianto esistente di “Acqua dei Corsari”

Raddoppio fino a 880 mila abitanti equivalenti servirà a superare multa Ue. Il Commissario Giugni: “E’ opera cardine del nuovo sistema fognario-depurativo palermitano”. Alla consegna parziale dei lavori il Sindaco Orlando ed il Subcommissario Costanza.


Roma, 26 giugno – Partiranno nei prossimi giorni i lavori di potenziamento del depuratore di Acqua dei Corsari, la più importante opera pubblica prevista a Palermo per consentire un efficace trattamento delle acque reflue e insieme l’uscita dall’infrazione comunitaria. Il Commissario Unico per la Depurazione Maurizio Giugni ha dato il via libera a una consegna parziale dei lavori alla ditta affidataria, prevista per il 29 giugno, per le sole opere indifferibili e urgenti che riguardano l’ammodernamento dell’impianto già esistente.

Il raddoppio di Acqua dei Corsari fino a coprire 880 mila abitanti equivalenti, l’intervento più corposo tra i tredici previsti a Palermo per superare l’infrazione C-565/10, è infatti sottoposto a provvedimento di autorizzazione ambientale: in attesa che l’Autorità decida sul possibile rinnovo della validità dell’atto o sull’avvio di una nuova procedura, si è stabilito di cominciare quei lavori urgenti non collegati al raddoppio della potenzialità del depuratore, ma necessari per adeguare il vecchio impianto al nuovo progetto già approvato e validato dalla società RINA Check.

“Acqua dei Corsari – spiega il Commissario Giugni – è l’opera cardine del nuovo sistema fognario depurativo di Palermo, attorno a cui ruotano tutti gli altri cantieri del capoluogo, già sei dei quali sono stati aperti dalla precedente Struttura con la collaborazione del Comune di Palermo. Per questo motivo – prosegue Giugni - abbiamo la necessità di portare avanti subito quelle opere che adattano le capacità del depuratore esistente allo schema del nuovo impianto, prevenendo altri ritardi su un’opera attesa, di alto valore ambientale e la cui mancanza oggi pesa per circa 4,4 milioni l’anno di sanzioni europee”. 

Alla consegna dei lavori di lunedì 29 giugno alle ore 9 in Comune, presenti il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il Subcommissario alla Depurazione Riccardo Costanza e l’amministratore unico del gestore AMAP Alessandro Di Martino, assieme al Responsabile del Procedimento Giovanni Pizzo di Sogesid (Società “in house” del Ministero dell’Ambiente e delle Infrastrutture), al direttore dei lavori Ing. Silvio Rossetti (RTI SERING Ingegneria e altri) e all’impresa affidataria EMIT group Ercole Marelli impianti.